Categorie
Storie

Il pongo

“Pongo è il nome commerciale di un materiale plastico modellabile prodotto da FILA, utilizzato soprattutto dai bambini.

Prima del 1994 era prodotto dall’azienda di San Carlo che è poi stata acquisita dalla FILA.

Di consistenza simile alla plastilina o al DAS, il Pongo (a cui fece seguito il Didò) è un materiale colorato a base di…”

“Lo so che cos’è il Pongo.”

“E quindi?”

“Quindi no.”

“Non hai nemmeno ascoltato la mia idea.”

“Non ho bisogno di ascoltarla, è una cazzata.”

“Pensa alle possibilità!”

“No grazie.”

“Mi castri ogni istinto creativo.”

“Tu hai solo istinti, ma niente di creativo.”

“Questo è un colpo basso. Ti voglio ricordare che…”

Sopracciglio alzato

“TI VOGLIO RICORDARE CHE ti ho accompagno a teatro a vedere La Trovata…”

“Traviata.”

“…ho guardato con te la grande bellezza, nonchè qualsiasi cosa prodotta da Sorrentino. Siamo andati ad ogni evento estivo del parco della musica, le letture di poesie, gli incontri su Dante, nonché al concerto di quel gruppo indie che ti piace tanto, che CI piace tanto.”

“I pinguini tattici nucleari?”

“Quelli. Comunque ora che finalmente mi apro ad applicazioni artistiche, che provo anche io a proporre qualcosa di più nel nostro rapporto, tu nemmeno mi ascolti.”

“Sigh, so già che me ne pentirò, sentiamo sta storia del pongo.”

Mani si alzano in gestualità tipicamente italiane.

“Allora… hai presente le imbotitture per i reggiseni?”

“Sigh.”


Epilogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *